Contact Information

Seoul, South Korea

Contattateci su:

Ciao a tutti!
Dopo aver notato con piacere che molti di voi hanno voglia di partecipare, il momento di dare il via al Giveaway è arrivato e potrete parteciparvi da oggi 8 dicembre al 15 dicembre 2014 compresi (mezzanotte ora italiana), quindi avete 7 giorni di tempo per rispondere a una – o tutte e due – delle nostre domande! Il 15 dicembre alla mezzanotte italiana il Giveaway verrà chiuso.

Le domade e dove rispondere

  • Facebook – “Cosa miglioreresti di Persi in Corea? Che video vorreste vedere? Che suggerimenti avete per farci migliorare”
    Rispondete sotto il post in cui abbiamo condiviso questo articolo, le risposte che non hanno a che fare con la domanda (tipo: che bello!) verranno cancellate;
  • Blog – “Se il tuo idol/attore/attrice coreano preferito venisse in Italia, cosa gli/le faresti fare??”
    Rispondete con un commento a QUESTO post, come su facebook le risposte non pertinenti verranno cancellate!

N.B. Se avete domande contattateci tramite Facebook, Twitter, Ask o commentando sotto il relativo video su Youtube.

1 – Cosa c’è in palio?

Ai vincitori daremo la possibilità di scegliere UNA tra diverse opzioni, che sono:

  • Make Up coreano: QUESTO mascara o QUESTO lucidalabbra;
  • CD KPOP (edizione normale): potete darci delle opzioni e vi spediremo quella che riusciamo a trovare più facilmente;
  • Gadget da Artbox (per farvi un’idea guardate QUESTO video).

P.S. A tutti e due i pacchetti aggiungeremo un “plus” speciale ^_^

2 – Come si vince?

I vincitori saranno due e come scritto nel precedente post, verranno scelti in questo modo:

  1. Vincitore n°1 – FACEBOOK: vincerà la persona che riesce ad ottenere più “mi piace” al suo commento. Una volta data risposta alla domanda, potrete chiedere ai vostri amici-parenti-gatti-cani-pesciolini rossi (e via dicendo) di mettere “mi piace” al vostro commento. In caso due commenti dovessero avere lo stesso numero di Mi Piace, utilizzeremo un sito online per l’estrazione (tra i due -o più- commenti). Avrete tempo fino al 10 febbraio (compreso) per raccogliere più Mi Piace possibile;
  2. Vincitore n°2 – BLOG: sceglieremo 3 delle risposte che ci sono piaciute di più e tra queste ne estrarremo una a caso. Ovviamente sceglieremo il commento che ci piacerà di più, tentando di essere il più possibile imparziali. Vi chiediamo anche di usare nicknames diversi da quelli che di solito usate per commentare il blog – visto che ormai ci sono un paio di nomi che riconosciamo!

3 – Regole “speciali”

  1. Per favore, partecipate solo ed esclusivamente con un profilo. Con questo chiediamo di non barare partecipando con più profili facebook/wordpress per dare a tutti la stessa possibilità di vittoria;
  2. Rispondete alla domanda per Facebook su Facebook e a quella per il Blog sul Blog. Le risposte date nel posto sbagliato non verranno contate.

BUONA FORTUNA~

– – – – – – – –– – – –– – – –– – – –– – – –– – – –– – – –– – – –– – – –

Vorremmo comunque che tutti i partecipanti al Giveaway ci seguissero su: Blog, Facebook, Youtube e Twitter. Non è obbligatorio, ma ci farebbe molto piacere ^_^

Share:

administrator

Anna abita in Corea dal 2011. Inizialmente ha studiato coreano alla Yonsei University, poi ha cominciato un percorso universitario in International Studies alla Korea University.

41 Comments

  • kelly sanchez (@k3lly_XD), 15 Dicembre 2014 @ 7:24 AM

    Se il tuo idol/attore/attrice coreano preferito venisse in Italia, cosa gli/le faresti fare??

    sarebbe fantastico!!! partendo dal presupposto che io una domanda del genere me la sono già fatta !! eh bene si, mentre studiavo per qualche esame dell’università ho la brutta abitudine di fantasticare (e dico brutta perchè mi capita spesso haha ) e quindi vi racconto quello che avevo già fantasticato (la versione più breve e modificata per voi ahaha )

    ero a parigi per un concerto e arrivai tardi al posto dove si teneva .. e correvo per fare in fretta e senza accorgermi inciampai su qualcosa e finì per terra .. che male .. poi vedo una mano che mi aiuta ad alzarmi, lo ringraziai mentre stava raccogliendo il mio biglietto .. quando si girò verso di me per consegnarmelo .. non ci potevo credere .. era uno dei membri della band … ero sorpresa quasi incredula di quello che stavo vedendo aahah lui sorrisi dopo aver letto che il biglietto era per il loro concerto e mi chiesi di accompagnarlo.. entrai e fece in modo che mi mettessero in prima fila, ero felice ma allo stesso tempo mi sembrava surreale … prima di andare scrisse su un biglietto il mio numero e tutti i miei contatti .. non si sa mai .. 😉 la stessa sera mi scrisse una e-mail e li spiegai che stavo tornando in Italia perché ero solo andata per loro .. e mi disse che sarebbe andato in Italia per alcuni giorni (visto che il loro tour era finito) e mi chiesi di suggerirli i posti a cui poteva andare …
    per prima cosa doveva visitare Roma, è una città stupenda piena di fascino e con tanti posti belli da vedere, non solo i classici posti turistici ma ci sono posti molti belli che grazie ad un amico che abitava lì avevo conosciuto e poi doveva assaggiare la cucina italiana.. ottima e molto gustosa, poi doveva andare a Firenze, città ricca d’arte e con una vista magnifica.. molto bella e romantica a mio parere .. dovevano vederla e poi per fare dell’ottimo shopping doveva visitare Milano, la sera poi il duomo è stupendo e la città è magnifica da vedere, poi un bel aperitivo milanese doveva farlo  ci sono ottimi posti che avrei potuto suggerire … ovviamente a lui avrei spedito una bel itinerario dei posti, luoghi e cose da mangiare..  spiegai che non essendo italiana questi posti erano quelli che secondo me un turista dovrebbe vedere, se ha pochi giorni a disposizione … l’Italia è un paese magnifico e molto affascinante .. ricco di storia e con un’ottima gastronomia, ricca e variata. Mi rispose che li sarebbe piaciuto seguire il mio itinerario e che li sarebbe piaciuto di più se lo avesse accompagnato in questo tour …  pensai che l’avesse scritto scherzando .. e quindi risposi che con piacere lo avrei accompagnato … poi mi dissi che sarebbe arrivato a malpensa e di venir a prenderlo così avremo potuto iniziare l’avventura … ahaha continuavo a non crederli fino a quando non mi mostro una foto del biglietto  a volte le cose più assurde possono capitare ahhaha beh che dire il resto lo lascio alla vostra immaginazione …  la vita è bella .. ma i sogni lo sono ancor di più .. 😉

  • hoktizen, 15 Dicembre 2014 @ 6:26 AM

    Annyeong!!!
    Beh , se il mio artista preferito venisse in corea e dovessi fargli da guida, innanzi tutto annullerei il viaggio di ritorno. Vi chiederete il perché di quest’azione e io vi rispondo perché avrei bisogno di un tempo indeterminato per mostrargli tutto ciò che c’è da vedere in Italia.
    Partirei dalla mia città natale che è Asti. E’ vero che è una cittadina poco conosciuta, ma ha una storia alle spalle che è davvero particolare. Gli mostrerei ogni singolo angolo della mia amata cittadina mostrandogli i prodotti tipici e ciò che la rende speciale. Ovviamente spero che venga sotto natale perché l’atmosfera è veramente magica.
    Dopo la visita turistica di Asti inizierei un lungo viaggio che parte dalle alpi e arriva fino al mar ionio. Il mio intento è quello di lasciare in lui un ricordo totalmente diverso dell’Italia. Non voglio che ritorni a casa pensando che in Italia c sono solo Pizza e Pasta oppure il calcio e la moda.
    Vorrei concentrarmi di più sulla bellezza che caratterizza l’Italia e cioè quella del passato e quella delle cose fatte in modo artigianale, fatte con le mani e con il cuore.
    Lo trascinerei ovunque non solo a Milano e a Roma, non solo a Firenze e a Venezia, ma anche nei paesini in cui sembra che il tempo si sia fermato.
    Una cosa che mi piacerebbe davvero fare è quella di cominciare dicendo che per certi aspetti l’Italia è simile alla Corea. Eh già, innanzi tutto sono tutte e due delle penisole e come loro hanno Jeju, noi abbiamo la Sicilia e la Sardegna. Inoltre, la Corea non brilla tanto come la Cina o il Giappone, mentre in Europa abbiamo Inghilterra e Francia che superano l’Italia. Nella cultura coreana c’è molto attaccamento alla cultura (tipo musica, pittura, ecc) e anche in Italia si può percepire questo amore verso l’arte.
    Insomma per dirla tutta, io sono di origini marocchine e perciò cercherò di trasmettergli ciò che provo quando sento parlare dell’Italia. Vorrei che lui quando torni in Corea riesca a raccontare a tutti i suoi amici e parenti ciò che ha visto e ciò che ha provato nel periodo che ha trascorso qui con me.
    Voglio solo dire che per me sarebbe un sogno e un immenso onore e piacere essere l’ambasciatrice dell’Italia in Corea 😉
    Ho scritto un papiro lunghissimo ahahahah xD
    P.S. Direi che come tour sarà abbastanza lungo e faticoso, ma cercherò di farlo divertire in qualche club, così magari vedono che anche noi abbiamo locali in cui scatenarci a ritmo di musica!!!! *_*
    Gomaweo!!!! =D
    Ciao ciao!!

  • Mariko, 14 Dicembre 2014 @ 10:03 PM

    Non credo vogliate i dettagli di cosa farei fare a Jang Geun Suk o Kim Hyun Joong! XD
    A parte gli scherzi, sono di Roma, quindi ho l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda le location da visitare.
    Credo comunque che chiederei a lui quali sono i posti e le cose che lo incuriosiscono per rendere la sua visita a Roma indimenticabile.

  • Lian, 14 Dicembre 2014 @ 9:49 PM

    aaallllooraaa….premetto che vado di fantasia incontrollata gia ve lo dico:
    camminando per strada con la mia totale nonchalance…i piedi a x e lo sguardo un po a pesce che tanto mi caratterizza, sbadatamente investo con tutti i miei 75 kg un ragazzone di 1.90..porgo le mie scuse che si trasformano in aramaico, in quanto la vergogna incombeva sul mio lessico…
    lui quasi dispiaciuto cerca di tranquillizzarmi …ed è stato li, che mi accorsi con chi stessi parlando ….decisi di far finta di non conoscerlo e tutta l’agitazione ed emozione si trasforma in singhiozzo…che lo sfortunato ragazzo si trova costretto a placare con un invito a prendere qualcosa da bere…
    Andammo nel primo bar a portata di mano e ordinammo un succo di frutta..col mio inglese “strauso” cerco di sciogliere il ghiaccio chiedendo come si chiamasse e come mai avesse scelto Trento come meta turistica…
    lui si presentò e quel suono che usciva dalla sua bocca mi sembrò celestiale:” my name is Lee Min ho…..”
    cercai di non cambiare espressione e risposi ” nice to meet you Min ho *_*”
    i minuti passano e sembra quasi che gli faccia piacere la mia compagnia e quindi decisi di invitarlo a fare due passi…accettò…
    lo portai un po in giro spacciando da cicerone istruito..lui ovviamente ignaro che tutti i riferimenti artistici e storici fossero totalmente inventati mi guardava stupito da cotanto sapere U.U
    gli dissi:” Lee a Trento non c’è altro, l’unica cosa che ci rimane sono i mercatini di Natale..let’s go!!
    Mentre giravamo per le bancarelle si fermò e mi chiese cosa si facessi di tipico in Italia….
    ci pensai una manciata di secondi e mi illuminai…:” beh, caro Lee c’è una cosa moooooltooooo importante che si fa qui in Italia nel periodo di Natale…lo vedi questo sopra di noi?” lui alzò il capo in direzione del mio sguardo ..”questo si chiama vischio…è di auspicio dare un bacio per un futuro pieeeenoooo d’amore ” lui spalancò gli occhi rendendosi conto del meccanismo che aveva innescato, ma con un balzo fulmineo alla mila azuki prima che potesse rendersene conto, gli rubai un bacio a schiocco da stordirlo il tempo necessario da svignarmela tra i vicoli con una risata che la strega di biancaneve mi fa un baffo !!!
    >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>THE END<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

  • haruharu.❄ (@vittoria_shawol), 14 Dicembre 2014 @ 5:35 AM

    Ciao a tutte ragazze^^
    Beh la domanda è abbastanza complicata lol
    Farei tante di quelle cose se il mio idol venisse in Italia, alcune abbastanza illegali, ma ok xD
    Per quanto riguarda i luoghi beh…
    E’ venuto nel posto giusto!
    L’Italia è il paese più bello del mondo.
    Ci sono tanti posti bellissimi da visitare.
    Io sono di Avellino, vicino Salerno, e ci sono parecchi posti bellissimi nella loro semplicità.
    Li porterei per esempio, dal momento che siamo nel periodo natalizio, a vedere le luci d’artista, a Salerno. Sono qualcosa di spettacolare.
    A Napoli… a vedere uno spettacolo al San Carlo, il palazzo reale di Napoli…
    Soprattutto la sera… come si dice lì… “qui la notte non è fatta per dormire”. Dai concerti agli spettacoli teatrali, dalle discoteche ai ristoranti più chic della città. Non c’è cosa più bella di passeggiare e godere le bellissime bancarelle esposte fino a tardi e a respirare aria di mare.
    Poi, sicuramente lo porterei a Roma.
    Come non visitare la bellissima capitale?
    Il colosseo, la fontana di Trevi, piazza Navona e di Spagna e tantissimi altri posti.
    Poi vabbè per quanto riguarda l’Italia in generale, ci sono tantissimi posti veramente meravigliosi da visitare assolutamente.
    Le cascate delle marmore, la Basilica di San Francesco d’ Assisi, il palio alla giraffa, Assisi, Verona, Cefalù, le dolomiti, la Puglia, la bellissima Sicilia, Trieste, Portofino etc.
    Starei davvero a scrivere fino a domani!
    Ma andiamo al sodo…
    CIO’ CHE FAREI CON LUI.
    Beh sarei una guida abbastanza pazza e malata mentalmente (?) vista la compagnia…
    Beh una cosa che farei è sicuramente scrivere una lettera falsa da parte del suo “manager” , ossia io, e scrivere che è necessario che la guida dormisse con lui, per evitare contrattempi (?)
    O fargli ballare una lap dance sotto obbligo, grazie all’alcol lol
    e gli farei un video :3
    Gli farei parecchi scherzi (?)
    (almeno gli apparo simpatica ahahha)
    per esempio mentre dorme gli metto la panna in faccia,gli infilo le piume nelle narici e cose del genere lol
    stuzzicarlo insomma hahaha
    povero cristiano ahahahha
    poi lo inviterei a bere bubble tea al mango(?) o qualsiasi altro sapore, dipende dai gusti dell’idol :3 e a fare shopping.
    organizzerei un bellissimo falò in spiaggia, ad Ascea, un paese veramente bellissimo pieno di vita e perfetto per cazzeggiare, diciamo così.
    Il pomeriggio, lì organizzano dei balli di gruppo in piazza.
    Lo porterei con me e mi scatenerei *W*
    farò di tutto perchè accadano scene dramose
    per esempio quando si scontrano e cadono uno sopra l’altro(?)
    beh organizzerei quello.
    Organizzerei un drama intero, penso.
    Poichè si tratta di guida, beh magari lo porto in un bel posto e fingo di aver sbagliato strada e quindi di esserci persi (quando invece so benissimo dove siamo) e così abbiamo un pò di intimità.
    Organizzerò questa guida finita a male per avere intimità, seguendo il meteo.
    Vi starete chiedendo cosa ho appena detto (?)
    beh…
    ascolterò il meteo e la giornata più fredda possibile lo porterò lì, fingendo di perdermi, così da cacciare la scusa di rimanere abbracciati, davanti a un fuoco e a parlare di noi.
    LOL
    Poi ovviamente lo porterei con me a mangiare LA VERA PIZZA.
    Altro che quella che mangiano loro o qualsiasi altro straniero.
    Sono vicinissima a Napoli, quindi non ci sarebbe alcun problema.
    La sera della pizzata, “accidentalmente” mi sporcherò il muso di sugo e di nuovo “accidentalmente” sarò così cogliona da pulirmi solo nella parte pulita e da non capire i suoi “a sinistra!”
    Per me esisterà solo il lato opposto di quello che dirà.
    E sarà costretto a pulirmi.
    E, guarda caso, non ci saranno i fazzoletti. (una pazza li avrà presi appena arrivati e messi in borsa, chissà chi).
    ups.
    avrei anche lo sfizio di andare con lui ad un concerto italiano e fargli ascoltare la musica italiana OuO non so il perchè…ma ok ahahhah
    ovviamente la musica di una volta…
    per esempio al concerto di Adriano Celentano.
    La musica di oggi fa letteralmente cagare…
    lo porterei a casa di mia nonna ( lol ) e gli farei assaggiare gli inimitabili gnocchi fatti in casa de mi nonna ù.ù
    per non parlare della cucina di mia mamma…
    se si trattasse per esempio di Onew degli SHINee, gli farei mangiare il pollo cucinato in un modo troppo buona dalla mia eomma :3 (ricetta segreta ù.ù)
    così almeno spero di far colpo (?) ahahha essendo anche io un fissata esagerata, veramente esagerata del pollo…
    lo amo in tutti modi quindi cioè ù.ù
    poi vorrei dargli qualche lezione di italiano…
    giusto per sentirgli dire qualche parola e io lo sfotterò a non finire con termini italiani, in modo che qualunque cosa dica, lui non ha la minima idea di cosa può significare
    (TROLOLOL)
    lo porterei a Venezia, e gli canterei una canzone con la chitarra (?) sulla gondola :3
    dai… dopo tutti qurgli scherzi, alcuni davvero bastardi, un pò di amore ci vuole. ù.ù
    Come avrete capito farò veramente di tutto.
    giuro.
    sempre se non morirò eheh
    Vi ringrazio tantissimo per questa opportunità, perchè anche se non mi sceglierete , mi avete fatto viaggiare con la mente,e ho tipo sprecato due ore di questo pomeriggio, messa sul divano con gli occhi chiusi a farmi un film di ciò.
    e mia mamma quando è passata pensavo dormissi (?)
    ma vabbeh dettagli.
    Ve se ama ragà
    Continuate così e qualunque cosa FIGHTING!
    Vi voglio bene.

  • Sofia, 14 Dicembre 2014 @ 4:39 AM

    Se io incotrasi il mio idol preferito gli darei un abraccio gli regalassi il mio telefonino cosi mi potra chiamare poi lo porterei a mangoare una pizza e gli chiederei di cantare per me poi gli farei un 100000000 di domande poi chiamerei le mie amiche per farglielo conosciere ,poi forei un autografo nella testa,mano,braccio,piedi,e poi nell mio armadio cosi nn me lo dimenticherei poi gli farei girare la germania e farlo dicertire gli comprerei cose e poi quando se ne devo andare gli do und bacio di addio!!!

  • miky.13, 14 Dicembre 2014 @ 12:32 AM

    Se dovessi fare da guida al mio idol….bene. Lavorando mooolto di immaginazione (perché alla fine si tratta di fare questo, nonostante le nostre più ottimistiche e rosee speranze) direi che le strade da prendere sono due.
    COME MI ASPETTO CHE AVVENGA
    Siamo emozionati, entrambi. Nonostante ciò ci viene molto facile parlare. Lui mi mette a mio agio, e io non posso fare altro che apprezzarlo. Il mio cuore batte forte, ma non importa…devo fargli visitare il luogo dove sono cresciuta. Parto dal posto dove ho praticamente passato la mia infanzia, tra cadute, sbucciature al ginocchio, guardia e ladri, nascondino e mamma e figlia….Passo alla scuola di ballo che mi ha visto crescere e maturare. Scuole elementari, medie e superiori: ‘quel professore non mi sopportava’; ‘è stato la mia prima cotta’; ‘il mio primo serio bel voto’. Lui mi ascolta per tutto il tempo, e interviene per saperne di più. È curioso, e data la mia sciolta parlantina, sono ben felice di raccontargli tutto ciò che posso. Poi lo trascino ridendo in un viale alberato, e cominciamo a camminare: gli chiedo di lui, della sua vita, del suo colore preferito, e dei suoi ricordi memorabili; intorno a noi la natura ci fa da sfondo e le foglie che cadono sono la nostra colonna sonora; si sente in lontananza il cinguettio degli uccelli….siamo avvolti in quest’atmosfera eterea e finalmente lui mi stringe la mano.
    COME AVVIENE IN REALTà
    C’è l’imbarazzo più totale e nessuno dei due inizia la conversazione: cavolo, non sappiamo nemmeno in che lingua comunicare! Alla fine, in un quasi-inglese, gli chiedo se vuole visitare la mià città; lui risponde affermativamente e quindi cerco di mettermi all’opera. Siccome non sono una cima con i treni, sbagliamo fermata; ritroviamo la strada ed ovviamente fuori la stazione ci aspetta qualche catastrofe naturale (vento, pioggia o uragano che sia). Non parliamo tanto, poiché non ci conosciamo molto. A fine giornata decido che è meglio prenderlo ‘per la gola’ (il cibo funziona sempre), e lo porto ad uno di quei negozietti che vende street food: la sua lingua sembra sciogliersi insieme alla bontà di zeppole e panzarotti fritti. Finalmente troviamo un punto di incontro e cominciamo a intavolare conversazioni pseudo-decenti. Ma la giornata finisce troppo presto ed è tempo dei saluti. ‘Spero di rivederti’, viene detto troppo silenziosamente; ma mi lascia il suo numero di cellulare –che fortuna-… che poi perdo in una pozzanghera. La solita sfiga.

  • reiko, 13 Dicembre 2014 @ 2:22 AM

    La ragazza dai capelli castani, stranamente più allegra del solito, stava girando, con un misterioso zainetto in spalla, per l’aeroporto per puro svago, era il suo hobby girare in aeroporto; vagava in cerca di qualcosa o qualcuno (っ◕‿◕)っ ♥
    Ok, forse in realtà vagava e vagava per tutti i giorni perché era una povera barbona malnutrita e infreddolita (anche d’estate, oh, poverina ㅠㅅㅠ).
    Questa ragazza, chiamiamola Genoveffa, un bel giorno, prima della fine del suo solito giro si scontrò con un ragazzo poco più alto di lei e dagli occhi a mandorla. Sorpresa disse “OMG, ma tu sei____?” ヾ♥▽♥ノ
    Con movenze da ninja prese una corda dal suo misterioso zainetto e legò velocemente l’uomo spaventato e lo trascinò via, portandolo a casa sua (aspettate ma, non era una barbona(,,#゚Д゚)ァ!!? …quale casa?) .
    ( ̄(エ) ̄)ノ Con un sacco in spalla, che si muoveva e muoveva (si, dentro care mie, c’è proprio l’uomo), entrò dentro quella che era la sua casa, un tronco. Potrebbe non sembrare, ma il suo tronco era abbastanza spazioso, tanto da poter farci entrare ben 5 persone.
    Una volta dentro Genoveffa iniziò a spogliarsi (…eh, non pensate male, so quello che state pensando.\(//∇//)\), e si scoprì che in realtà, la povera piccola trasandata Genoveffa era una pedonoona. (● ̄(エ) ̄●) Il suo sogno, nella vita era raccogliere in casa con lei più idol/attori possibili.
    ….
    Ok, dopo essermi resa ridicola, adesso posso fare la ragazza seria.
    Premettendo che non sono pazza, lo giuro XD volevo scrivere qualcosa di carino perché scrivere “lo avrei portato a vedere questi monumenti o ad assaggiare queste pietanze” mi sembrava molto banale. E’ normale che lo porterei a vedere i monumenti più importanti come il colosseo, qualche maestosa chiesa, qualche lago; oppure fargli assaggiare qualcosa di buono come la vera pizza, un arancino, qualche tipo di pasta più particolare. Onestamente c’è tanto da vedere in ogni singola città d’Italia. Ad esempio, Milano e Firenze sono delle bellissime città da visitare, così, come sarebbe d’obbligo vedere qualche bel paesaggio della Toscana, e scendendo ancora, gli farei provare(?) il bel mare che abbiamo a sud, in Sicilia, o, entrando più nel particolare, gli farei vedere l’Etna coperta di neve, che è uno spettacolo di vulcano.
    Penso proprio che potrei/dovrei diventare una guida turistica, non si sa mai nella vita. XD
    Ovviamente alla fine del tour ci sta casa mia (da cui non lo farò più uscire).

    …sono una ragazza normalissima, davvero. ç_ç
    piccolo fumetto della scenetta by me.
    http://40.media.tumblr.com/0cb57453ceebff04e9168b7da24b916d/tumblr_nghc5wQCwA1qjrze9o1_1280.jpg
    bye <3

  • Federica Borella, 12 Dicembre 2014 @ 11:53 AM

    Ho deciso di partecipare a questa bellissima iniziativa e, dal momento che non amo molto gli elenchi o le spiegazioni veloci, ho deciso di creare una mia storiella (per quanto banale), su un mio possibile incontro con uno dei membri dei Super Junior (inserirli tutti sarebbe stato un suicidio da scrittrice per me, oltre al fatto che non voglio annoiare).
    Spero che l’idea vi piaccia e non risulti troppo pesante. Vedrò di alleggerire la storia il più possibile ^^ Grazie!

    Era una giornata come tutte le altre, o almeno così credevo. Sveglia alle 8.00, colazione e solita routine.
    “Le lezioni del mattino non dovrebbero esistere all’università” pensai mentre attraversavo la stazione per prendere la scorciatoia, quando ad un tratto mi bloccai.
    Credevo di aver visto male e continuai a fissare in quella direzione. Sembravo l’unica ad essermene accorta, nessuno l’aveva notato.
    Donghae, vestito di nero con una tuta, cappellino e occhiali da sole stava controllando la cartina della città.
    Mi avvicinai pian piano, convinta che fosse solo qualcuno di molto somigliante a lui: “Hello!”, il ragazzo alzò lo sguardo un po’ preso alla sprovvista e replicò “Hi!”. Non ebbi più dubbi. Era lui.
    Pensai di svenire, poi non accadde. Era lì davanti a me, e io non avevo più parole. Almeno non in inglese.
    Quando il torpore mentale si diradò erano passati ancora pochi secondi e dando fondo a tutte le poche conoscenze di inglese provai a farmi coraggio:
    “Tu sei Donghae, dei Super Junior, non ho ragione?”
    [N.B.: LE CONVERSAZIONI SONO TUTTE DA LEGGERE IN INGLESE, MA PER UNA QUESTIONE DI PIù FACILE COMPRENSIONE E LETTURA SARANNO SCRITTE IN ITALIANO – ebbene sì, faccio schifo in Inglese xD-]
    Il ragazzo mi guardò sorpreso, essere riconosciuto così facilmente in Italia è qualcosa che non si sarebbe mai aspettato.
    “Hai ragione, sono proprio io, piacere di conoscerti!”
    Ebbi un tuffo al cuore. Ecco la conferma. Senza pensarci due volte mandai mentalmente al diavolo l’università e decisi che quella sarebbe stata la giornata più bella della mia vita.
    “Se non è un disturbo, posso mostrarti la città. Sono una tua grande fan!”
    Lui soppesò le mie parole, credo pensasse di aver beccato una psicopatica (cosa non tanto lontana dalla verità) e poi si decise.
    “Ok, non conosco nulla di Torino”.
    Nel tragitto parlammo del più e del meno, cercando di esprimerci a gesti quando i termini in inglese ci sfuggivano; io provavo a dire qualche frase in coreano, tutto merito delle lunghe nottate a guardare drama e k-show, e lui mi stupiva con qualche parola in italiano, detta pure male ma tenerissima pronunciata da lui.
    Tempo 20 minuti ed eravamo arrivati: La Mole. Scelsi quel posto per due ragioni e glielo spiegai…
    “All’interno della Mole abbiamo il famoso Museo del Cinema, un luogo spassoso dove rilassarsi e divertirsi. Inoltre se sali in cima puoi vedere tutta Torino dall’alto!”
    “Ohhh, chissà che bello!”
    E in effetti fu molto bello. Non tanto per il Museo o per la vista panoramica ma per il tempo trascorso con lui. Una persona a modo, gentile e divertente, per nulla montato dalla fama.
    Una volta scesi decisi di fargli assaggiare una piadina doc. La fame era tanta e la giornata era ancora lunga, c’erano ancora parecchie cose che volevo fargli vedere ma decisi di fare una cernita.
    Entusiasta del cibo gli dissi che una volta visto il luogo successivo si sarebbe esaltato ancora di più!
    Preso l’autobus (che ovviamente arrivò in ritardo, maledetta GTT!), la fermata non era lontana.
    “Il Valentino è uno dei parchi più belli del Piemonte, per quanto piccolo è pieno di cose da fare e da vedere. Anzitutto volge direttamente sul fiume, dove chi volesse può fare canoa. Chi ama la terraferma può ripiegare su bici o risciò. Infine dal punto di vista architettonico il Castello del Valentino è
    unico nel suo genere, oltre che molto romantico” il discorso, certamente meno forbito poiché detto in inglese, nella mia mente fu all’incirca questo. Visitò il tutto con grande piacere e godimento.
    Si stava divertendo un mondo, ma mai quanto me! Presi il telefono e iniziai a scattare foto, soprattutto a lui e con lui. Tra selfie di varia natura, che non sto qui a dire l’imbarazzo, e scoiattoli fotobomber, la giornata trascorse rapida. Sarei dovuta tornare a casa per cena ma non era il luogo né il momento, non potevo lasciarmi sfuggire l’occasione così lo invitai a cena.
    Avvertii i miei genitori, abituati a questo tipo di uscite e felice proseguii con Donghae al mio fianco. Comunicare era più facile di quanto mi aspettassi. Gli chiesi di cantarmi una loro canzone e mi disse che l’avrebbe fatto ma sottovoce, per non attirare troppo l’attenzione. La canzone che scelse fu “Oppa Oppa” e io scoppiai a ridere, a quel punto non poteva esimersi dal fare anche il balletto!
    Tra risate e quant’altro arrivammo alla trattoria che avevo scelto e felice di entrare in un luogo caldo ci sedemmo.
    Senza il cappello e gli occhiali era estremamente affascinante. La cucina italiana sembrava piacergli e ne fui lieta. Gli chiesi, adesso che eravamo seduti, un autografo sulla borsa e uno sulla mia agenda in cambio del tempo speso con lui e per nulla sprecato!
    Avevo ancora una sorpresa in serbo per lui ma prima… musica! Il ristorante faceva anche Karaoke e gli dedicai una canzone nonostante la mia voce stonata. Usciti salimmo sul Monte dei Cappuccini. Altro terrazzone elevato con vista sulla città, questa volta di notte. Torino illuminata gli sarebbe rimasta nel cuore. Come a me lui.
    Era davvero contento della giornata trascorsa e questo fece capire a entrambi che non è tanto cosa fai ma con chi sei a rendere speciale una giornata.

  • Tsubaki Kiimiko, 12 Dicembre 2014 @ 5:25 AM

    Porterei i BTS direttamente A CASA MIA. Penso che il mio salotto si un posto interessante, e pieno di cultura.

  • J.Da, 12 Dicembre 2014 @ 12:35 AM

    PERSO IN SALENTO

    Vi immaginate GDragon in una delle parti più remote d’Italia? Nope. Io almeno no, ma dal momento che devo immaginarlo per partecipare al giveaway, farò un piccolo sogno ad occhi aperti.
    Vivo in un nanoscopico paese salentino e in quel giorno afoso di Luglio con 40 gradi all’ombra dei grandi ulivi e delle palette dei fichi d’India, devo prendere la mia macchinina per raggiungere in poco più di mezz’ora l’aeroporto di Brindisi. Probabilmente non ancora di bell’aspetto come nel momento in cui ho messo piede fuori casa, lo attendo all’unico Gate esistente. No dai, mi sono fatta carina per l’occasione…quando mi ricapita? Devo fare da guida turistica per GD, Kwon Ji Yong, rendiamocene conto; in un luogo dove non lo conosce nessuno, in modo che si goda a pieno le sue vacanze. Eh. Io lo conosco però .. e anche bene.
    «Sei una 22enne che ha un idolo come le adolescenti, vergogna» ;
    «Ma, io .. è il mio artista preferito nel genere KPop, Rap, che dir si voglia insomma .. che male c’è, non sono mica una pazza furiosa sasaeng ». Questo il combattimento nella mia testa. Tutto ciò mentre un Kwon Ji Yong selvatico mi picchietta sulla testa per riprendermi da quello stato confusionale e chiedermi se fossi io la sua guida. Avevo il cartellino con il suo nome appeso in verticale, verso il basso, tra le dita penzolanti della mano..che figura di cacca poco professionale. Inutile specificare che il nostro inglese è a livelli di perfezione tale da permettere una fluida comunicazione…seh, certo, il suo soprattutto.
    Capirete che, alzare lo sguardo e trovarsi di fronte il faccione scemo e allo stesso tempo bello come il sole di Ji Yong non è mica tanto facile. Gli sfoggio il sorriso più brutto e da rimbambita che potessi fargli e, senza dargli il tempo di replicare, mi presento, lo aiuto con un bagaglio e ci dirigiamo verso l’auto.
    L’imbarazzo iniziale si fa sentire, non so bene che dire o fare e cerco di non farmi prendere dall’emozione poiché devo guidare. Parto accendendo l’autoradio con una delle sue canzoni preferite: ‘ Somebody told me – The Killers ‘. Con la coda dell’occhio scruto la sua espressione..Bang, centro. Sorride e annuisce a ritmo di musica. Lievemente più rilassata, lascio andare per qualche minuto il cd senza interruzioni pensando alla scaletta di cose che ho preparato per lui. Un mix di odori, sapori, tradizioni e divertimento in questa regione d’Italia che ti urla ‘Sule, Mare e Ientu’ da ogni dove in estate. Come potrei non portarlo al mare in un tour del Salento coast to coast? Le spiagge chiare, le acque cristalline e la natura che li circonda. Sullo Ionio vorrei fargli visitare le aree marittime di Gallipoli di giorno e la cittadina di sera con il suo Corso principale illuminato, gremito di gente, con una bella movida e mangiare i cornetti caldi con la Nutella a mezzanotte e il pasticciotto tipico al mattino, dopo aver fatto camping sulla spiaggia; perché un bar aperto lo trovi sempre, a qualsiasi ora. Lo porterei a casa, fargli conoscere i miei parenti che lo chiameranno Gigi ( da leggere ‘ Giggi’ ) in una giornata a grigliare carne, a mangiare friseddhe e altre mille delizie della regione che sta visitando..con il rischio di farlo ingrassare..e poi chi lo sente appa YG?!
    Andremo a S. Maria di Leuca per fargli vedere l’estrema punta sud orientale dell’Italia, i suoi porti, il faro e magari farci una capatina all’interno per godere di una stupenda vista sul mare. Non oserei dimenticarmi di Otranto, il castello aragonese e il suo centro storico pieno di negozietti per riempire di souvenir la famiglia, i membri dei Big Bang e il resto della YG family. Torniamo all’interno va, con tutte queste spiagge e questo sole ci siamo già presi una bella scottatura. Ora ci dirigiamo a Lecce, capoluogo di provincia con le sue antiche porte d’entrata. Aigo, basta con tutta questa cultura, bla bla bla, si chiederà prima o poi quando arriva il divertimento? Ci siamo! Tornando nell’entroterra o anche restando sulle coste, troveremo discoteche di tutti i tipi ed eventi organizzati per tutti i gusti…so bene quanto al signorino Kwon piaccia divertirsi nei club. Non mancherà qualche sbornza presa per sbaglio e non..poveri fegati nostri. In questo marasma, dimenticavo le sagre dei prodotti tipici, perché si, non farò di te un uomo, ma un maiale con un boccale di birra in mano al Birra&Sound e uno scaricatore di porto alla sagra de lu purpu frittu. Ciò che però non potrebbe mai mancare al fashionista qui presente è lo shopping. Quale città migliore di Lecce con il suo centro storico brulicante di negozi che vanno da livello cinese a livello haute couture? Sempre che gli vada ancora quella M size striminzita che si ritrova dopo tutto questo cibo.. altrimenti ci sono anche i negozi taglie forti Jijino su, keep calm.
    E dopo aver fatto circolare tutta questa economia in Salento … mi sento chiamare, forse sono impalata da due ore mentre guido e non me ne rendo conto..sai com’è.. dovrei parlargli.
    « Ti sei incantata? Non dovevi scrivere quel commento per partecipare al givecoso lì, come si chiama?» Però Ji .. che italiano, sei precoce con le lingue..penso tra me e me. .. Ah. No, è mia madre che mi risveglia dal mio sogni ad occhi aperti.
    Giusto! Devo scrivere il commento per il giveaway di Persi in Corea.

  • morrymorro94, 12 Dicembre 2014 @ 12:15 AM

    Ma solo io me lo porterei a casa? ಠ_ಠ Una spaghettata e lo ospiterei pure per la notte! in cambio gli chiedo solo un concertino solo x me ;; mi accontento anche di una sola canzone .. poi magari una scalata sul Monte Rosa ci sta dai oppure un giro in gondola a Venezia… ma son sicura che per il mio idolo basterebbe ubriacarsi con del vino in giro per la Toscana e Piemonte aaww.. Ah giusto visto poi il suo modo di vestire anche fare shopping di vestiti strambi o SCARPE… un biglietto x qualche sfilata a Milano più che sicuramente ci sta! Anche un giro in mongolfiera sarebbe bello (insieme uhuh) almeno non puó scappare! (¬‿¬) LOL resta comunque ancora una fantasia visto che è già venuto qui e non l’ho visto ç_ç ..ma va beh io ci ho provato! (︶︿︶)

  • morry morro, 11 Dicembre 2014 @ 11:44 PM

    Ma solo io me lo porterei a casa? Una spaghettata e lo ospiterei pure per la notte.. che domanda! in cambio gli chiedo solo un concertino solo per me ;; mi accontento anche di una sola canzone .. poi magari una scalata sul Monte Rosa ci sta dai, oppure un giro in gondola a Venezia.. ma son sicura che x il mio idolo basterebbe ubriacarsi con del vino in giro per la toscana e piemonte aaww..ah giusto visto poi il suo modo di vestire anche fare shopping di vestiti strambi o SCARPE… un biglietto x qualche sfilata a Milano più che sicuramente ci sta! ♥ Anche un giro in mongolfiera (insieme uh uh :’)) sarebbe bello! almeno non puó scappare! Lol e boh io c’ho provato! ^^’

  • Febe, 11 Dicembre 2014 @ 6:26 AM

    Ciao a tutte :-).. Se il mio idol/attore/attrice venisse in Italia, sarei davvero felicissima.. Per prima cosa gli farei visitare le città storiche d’Italia, come Roma, Firenze, Venezia, facendogli ammirare le grandi architetture, i grandi monumenti, visitando musei e gallerie d’arte; ma lo porterei anche a Milano città della moda. Inoltre gli farei visitare la mia città, che si trova in Calabria, vicino al mare. Lo porterei a vedere il mare e la bellissima costa. Gli farei visitare inoltre la Sicilia, in particolare Taormina. Ma anche le isole più piccole come Capri, le isole eolie, insomma gli farei fare un “piccolo” giro della nostra bellissima penisola.. Inoltre gli farei provare i piatti tipici di ogni regione visitata. Lo porterei anche a visitare qualche parco divertimenti come gardaland o mirabilandia oppure lo porterei all’acquario di Genova.. infine gli farei visitare l’università che frequento. Beh, penso che alla fine di questo lungo viaggio alla scoperta dell’ Italia, se ne ritornerà di corsa in Corea XD.

  • Ange_Hy, 11 Dicembre 2014 @ 3:06 AM

    Uhm…li rapirei e li porterei dritti dritti in Puglia dai miei per un intero weekend. Prima di tutto perché mi sembra un posto abbastanza carino e tipico dove portare dei baldi giovani *scenario da Indovina chi viene a cena*
    Secondo motivo , ma non ultimo, perché coglierei così l’occasione, e viaggio rimborsato con la loro carta di credito ovvio, per tornarci anch’io.
    Primo meeting point stazione Termini per farli assaporare il gusto di un lungo viaggio di 6h (Trenitalia ed i suoi ritardi permettendo) e come accoglienza caffè e due cornetti. Uno alla crema e uno al cioccolato perché non sarei capace di scegliere e, fondamentalmente, certe scelte non andrebbero mai fatte.
    A seconda del periodo dell’anno, li condurrei in campagna a fare “gli zappatori” o affini facendola passare per una di quelle esperienze bio-chic che vanno tanto di moda ultimamente. Inoltre, 5X2 paia di braccia fanno sempre comodo e riesco a vedere proprio bene mio nonno a farsi capire comunque sul modo in cui, non so, va raccolto un mandarino o spuntato un arbusto di rosmarino.
    (Lo so che avevate detto un idol/etc etc ma facciamo che è un po’ come la 2X1 di Sainsbury’s)
    Chiaro che non può mancare il lauto pranzo/cena/spuntino fatto di cose leggerine e per nulla caloriche (daje di orecchiette, polpette di ogni dimensione e razza, parmigiana, pasta al forno e via così) per farli sentire parte della famiglia.
    Un giro nel centro storico dei paesi limitrofi con reflex e calzini bianchi stile tennista per uniformarsi al concetto di turista asiatico medio, una passeggiata al mare per respirare iodio e calpestare sabbia e di nuovo tanto tanto cibo.
    Infine, riempirli di souvenir e rispedirli a casa con tanto di lacrima e fazzoletto al vento.
    Appare evidente che sia già pronta per fare il tour operator dei BigBang o degli FTIsland(lo so, questo è giocare sporco) o che sia una spia del servizio proloco pugliese.
    Baci.

  • Zicova, 11 Dicembre 2014 @ 2:32 AM

    Buongiorno ragazze. ~
    Levando il fatto che ci avete posto una domanda estremamente inverosimile ( xD ), mettiamo che ‘’’’ per caso ‘’’’ mi capitasse di incontrare il mio gruppo preferito per le vie della mia città, e avessi la possibilità di fargli da guida, per prima cosa avrei bisogno di un punto di appoggio dove tenermi, per evitare di svenire ai loro piedi.
    Comunque, mi trovo a Roma, la città eterna, in cui eterna è la storia e soprattutto l’arte .. non basterebbe un giorno per fargliela visitare tutta.
    Certo, sarebbe fantastico fare qualcosa di romantico all’ ‘Aristogatti ‘ o ‘ Lilli e il Vagabondo ‘, ma c’è decisamente poco tempo, e bisogna sfruttarlo al meglio.
    Quindi, dopo aver evitato l’infarto, li porterei al Colosseo: quale monumento meglio di esso non trasuda storia da tutti i ‘ fori ‘ ?
    Se saremo fortunati, non troveremo tanta fila, e dopo aver eluso la raffica di venditori ambulanti che ‘ offrono ‘ bastoni per i selfie di dubbia provenienza, li inviterei ad entrare dentro l’anfiteatro Flavio: da fuori magari non si ha l’impressione, ma da dentro è veramente tutt’altra cosa ! Non appena si entra, la grandezza dell’anfiteatro spiazza, e si può rivivere il momento in cui i gladiatori venivano scortati nell’arena, circondati da un pubblico in trepidazione e rinchiusi in uno spazio da cui si può vedere solo un ovale di cielo.
    Purtroppo c’è poco tempo, e come guida efficiente, sono costretto a svegliare i miei idoli da quel sogno, per portarli subito verso una nuova ed entusiasmante meta: la più vicina (‘conoscendo’ chi sto guidando, sarebbero già stanchi !) è sicuramente la via dei Fori Imperiali. Statua dopo statua, racconterei loro il flusso della storia degli imperatori che hanno dato fasto e splendore alla capitale, dei loro mercati e delle loro curiosità, magari proprio quelle che nessuno sa.
    Purtroppo non c’è tempo nemmeno per stare a far rivivere gli imperatori romani, e dopo un’occhiata al Circo Massimo, e la volta del Vittoriano.
    Il Vittoriano, un grandissimo complesso che ospita l’Altare della Patria, il Milite Ignoto e tutte le salme degli uomini più importanti dell’Italia: non è forse il miglior posto per … scattare una selca e postarla su Instagram ?
    Comunque, lasciamo stare il Vittoriano, e pensiamo a mangiare: ‘conoscendo i miei polli’, avranno sicuramente fame, e di certo non tentenneranno davanti a un piatto di pasta alla carbonara fumante, alla pizza o un bicchiere di uno dei migliori vini del posto .. Roma può offrire molto oltre ai soliti fast foods di vario genere.
    Dopo il pasto principale, li porterei sicuramente in una delle gelaterie più rinomate di Roma: Fassi, che per di più ora è gestito da una ditta coreana, quindi si troveranno anche a loro agio fra i loro simili. ( ? )
    Comunque, nel pomeriggio vorrei portarli al Vaticano, alla Villa e alla Galleria Borghese, ai musei Vaticani, alle Scuderie del Quirinale e magari al Campidoglio, ma decido di farli passeggiare per le ‘vie dello shopping’: partendo da piazza del Popolo, percorrerei via del Corso, fino ad arrivare a piazza di Spagna. Queste vie sono letteralmente piene di negozi di lusso dove si può comprare ogni genere di cosa.
    Arrivati a piazza di Spagna, opterei poi per l’intramontabile Fontana di Trevi, e di seguito il Pantheon, la casa degli dei.
    E ‘finalmente’ dopo mangiate e visite, arriva la sera, che trasforma Roma in un’altra città, mostrando il lato più attraente che possa avere: se fosse per me, rifarei compiere l’itinerario seguito la mattina e il pomeriggio per far notare ai miei idoli quanto possa cambiare Roma in due situazioni differenti. Certo, il buio non aiuta per niente, ma ogni monumento mostra un fascino quasi ‘oscuro’.
    Purtroppo, non ho ancora la capacità di teletrasportarmi, e sapendo che i ‘miei visitatori’ saranno sicuramente stanchi, sceglierei un’unica meta ma d’impatto: Castel Sant’Angelo. E rimarrei lì, a godermi anche io lo spettacolo, finalmente immerso in quell’atmosfera romantica che tanto ho sperato all’inizio. ( … )
    E poi, spiegherei loro che Sant’Angelo nasconde molti segreti, fra cui ‘il passetto’, che unisce esso al Vaticano: è uno stretto corridoio in cui il Papa passava per scappare o dalla prima, o dal secondo.
    Ecco, questo è più o meno ciò che farei visitare ai miei idoli, ed ho contato come tempo un giorno.
    L’Italia però è tutta bella, e se con un giorno non si può visitare Roma, con un anno non si può la Penisola: ogni angolo, anche il più nascosto ha bisogno di essere scoperto, perché può offrire un piccolo particolare che non si può trovare da nessun’altra parte.
    Detto questo, spero per voi ragazze che ciò che ci avete proposto nella domanda si avveri, altrimenti ce la prendiamo con voi, ATTENTE.

  • Momo chan, 11 Dicembre 2014 @ 12:54 AM

    Se incontrassi lee min ho … Spero di incontrarlo di mattina così nasconderei il mio deficit, dovuto dall emozione di averlo incontrato usando la scusa che la mattina prima delle 11 non connetto bene. Per prima cosa andrei a fare colazione con lui sul lungo mare di margellina con un bel cornetto e cappuccino , lo fisserei mentre morde quel cornetto.. .. Aaaaaa ok ok torniamo a noi ..: continuerei facendo una passeggiata per tutta Margellina , visiterei il Maschio Angioino , Castel del nuovo e Napoli sotterranea … Sapete nello stretto potrei inciampare e cadere su di lui ops che peccato

  • Chiara Biasibetti, 10 Dicembre 2014 @ 11:38 PM

    I miei idols preferiti vengono in Italia?? Ah ha ha ha a. Penso che per prima cosa mi pulirei gli occhiali per capire se c’ho visto giusto o se il mio prossimo appuntamento al buio sarà con l’oculista. Fatto ciò, siccome mi sembrano sempre un po’ patiti li porterei a mangiare da qualche parte. Sono padovana, quindi che ne direbbero dei piatti tipici veneti? Penso che non sappiano nemmeno cosa sia la polenta, perciò bisogna assolutamente rimediare!!! (non credo che il gusto sia peggio di quei vermoni giganti che si mangiano di solito)
    Dopo pranzo li porterei a fare un giretto in centro a Padova, giusto per fingere che la nostra sia anche un’uscita culturale (tanto lo so che al massimo finiremmo alla Rinascente o al Pedrocchi), e ovviamente non potrei ignorare il Prato della Valle: mi vanterei del fatto che lì hanno girato un film campione di incassi in Italia, omettendo che si tratta di “Sole a catinelle” di Checco Zalone *poker face*.
    E poi, ovviamente, li porterei a vedere il tramonto a Venezia, città che li conquisterà con fascino e magia: San Marco, Rialto, il ponte dei sospiri, l’Hard Rock cafe in formato pocket (se non lo sapete, ve lo dico io: è davvero mignon), l’acqua alta e l’ “odor da freschin” che aleggia incontrastato sulle calle veneziane. Solo chi a Venezia c’è stato può comprendere il vero significato di questo idioma dialettale. Purtroppo in italiano non esiste un termine corrispettivo che colga appieno la sua essenza, ma è un odore a metà strada tra quello del pesce e quello delle uova, per intenderci… insomma, se gli piace Venezia possono anche chiudere una narice.
    Prima di salutarli ovviamente chiederei loro foto e autografo, però, la cosa che mi preme di più, è carpire uno dei loro segreti: come cavolo fanno a a sedersi a uovo??? Avete presente quella specie di posizione accucciata che assumono sempre in qualsiasi circostanza? Praticamente è come se fossero accovacciati sulla turca per fare i loro bisognini, ma con le gambe non divaricate. Capiamoci… Non provatelo sulla turca altrimenti cadreste giù per il buco, o almeno non fatelo finché non avrò colto la tecnica giusta da condividere con tutti voi!!!
    A sto punto li saluterei perché non sono proprio il tipo da discoteca.
    Peace.

  • Elvira, 10 Dicembre 2014 @ 8:17 PM

    Se incontrassi i miei idol (Shinee) a Roma li porterei a piazza del popolo per fare un bel flash mob e ballare le loro canzoni, poi li porterei al Colosseo, San Pietro e altri monumenti e musei, a pranzo li porterei a mangiare in un bel ristorante di cucina tipica romana, il pomeriggio per smaltire il pranzo gli farei fare un giro a villa Borghese e per quanto riguarda la sera in un pub a bere e in fine li rapisco e li porto a casa mia

  • Snickers GhettoQueen, 10 Dicembre 2014 @ 11:08 AM

    Bhe, se per botta di culo dovessi incontrare il mio idol preferito e se per botta di culo ancora più grande dovessi fargli da guida turistica i casi sono due: o lo rapisco o lo violento. XD No vabbè scherzo, sarà l’ormone in questo periodo che circola furioso. Vabè, deliri ormonali a parte, penso dipenderebbe molto dalla persona. Per esempio mettendo un nome caso,KwonJi-yong aka G-dragon, (proprio a caso eh, non perchè io ne sia completamente ossessionata da lui xd) allora ovviamente mettendo il caso che avessi milioni di euro che mi scolano anche dalle orecchie, lo porterei a fare shopping, anche perchè io sono una fashionista peggio di lui. (con la differenza che non ho i miliardi per comprare givenchy e quant’altro perciò mi accontento dei negozietti made in china,ma questa è un’altra storia,una storia triste, la mia…mah vabè show must go on u.u)Ovviamente siccome sono di un piccolo paesello salentino lo porterei a Milano per entrare nei migliori negozi di alta moda e divertirci un botto a provare abiti e quant altro, sicuramente lo farei scorrazzare da una parte all’altra senza dargli tregua o forse lo farebbe lui, (ma vabbè siamo li), però non prima di avergli fatto fare una sacrosanta colazione made in salento come si deve, con tanto di cappuccino e pasticciotto leccese sfondato di crema.( e credetemi solo il pasticciotto basterebbe a farlo rimanere per sempre qui xD) Vabè, tornati dalla breve gita all’insegna dello shopping sfrenato, ovviamente si ritornerebbe in salento anche perchè forse a milano potrebbe essere riconosciuto e penso che un idol con una guida turistica che vuole esplorare l’italia vuole tutto fuorchè essere riconosciuto da orde di fan imbizzarrite, perciò meglio tornare nell’anonimato nel mio paesello! Bene, dunque dicevamo…ah si, ovviamente si fa na certa ed è ora di pranzo, perciò lo porterei Nel mio ristorante preferito sul mare a fargli fare una di quelle mangiate di cavatelli ai frutti di mare che se la ricorderebbe per tutta la vita. Poi dopo ci sta tutta una bella passeggiatina sul lungomare che non può perdersi per nulla al mondo, perchè si il salento mio me lo vanto, ma come il nostro mare nessuno mai ,<3 per fargli ammirare le spiagge e respirare un po di quell'aria pulita che sicuramente a Seoul si sogna.Magari con una botta di culo, troviamo anche una festa in spiaggia, un aperitivo così giusto per passarci il pomeriggio e divertirci bevendo qualche coktail giusto per prepararci alla serata. All'ora del tramonto più o meno lo prendo e lo butto in mare (ovviamente io lo seguo a ruota) perchè non c'è niente di più bello del fare il bagno al mare a quell'ora! Poi ci sta una bella doccia (preferibilmente insieme) ((scusatelo ancora è l'ormone impazzito a parlare)) e ci si prepara per la sera. Cenetta in una pizzeria, ovviamente pizza perche DEVE mangiare un po di sana pizza italiana, pre serata in un pub, qualche birra due o tre cicchetti e poi si parte per la serata vera e propria. Una serata dove non deve stare per forza in un privè, ma dove puo essere libero di bere e ballare e parlare e divertirsi con tutti senza pensare ad un probabile scandalo, tanto chi vuoi che lo riconosca giu da me? xD E dopo tanto divertimento e una serata che finisce l'indomani mattina, reduci da una sbornia colossale si va a fare colazione o a mangiare comunque qualcosa di salato per riprendersi e fare qualche discorso, che di solito in quelle condizioni e quegli orari sono sempre i discorsi più filosofici e intrisi di senso della vita che io personalmente abbia mai fatto.E niente, poi si ritorna in hotel e si va a dormire, sempre se lui è troppo stanco altrimenti si può fare un after in camera mia (azz di nuovo l'ormone impazzito, devi smetterla!). Vabè più che una guida turistica, ho descritto una mia giornata tipo estivA (escludendo lo shopping a milano xD) che gli farei condurre, ma sti cazzi a volte quando guardo questi idol che fingono di essere felici e poi sprizzano malinconia da tutti i pori, mi fanno una tristezza assoluta che mi verrebbe davvero voglia di abbracciarli e dirgli "forza, venite con me vi faccio divertire e vi faccio allontanare i pensieri negativi". Perciò fondamentalmente è questo ciò che farei se fossi la loro guida turistica, li farei divertire come se non ci fosse un domani e li farei sentire felici! Sorry for the Papyrus ( ma si dice papyrus in inglese? non so ma mi fa schiattare dal ridere, mi ricorda papyrus il cartone animato egiziano ahahahahahahahahahahahah) vabe, niente, questa è la mia storia,è stato un piacere, a presto! <3

  • federicawatsontiberia, 10 Dicembre 2014 @ 6:03 AM

    Beh, vivendo in campagna, sperduta lazio con la mia famiglia che credo sia la cosa più accogliente (?) del mondo, credo che porterei gli EXO a casa mia (upsy daisy eeheh).
    Gli farei conoscere il vero lato della mia cultura, con i lati buoni ma purtroppo anche quelli cattivi.
    Per prima cosa li presenterei a mio nonno, e vedendosi un’intera mandria di bei ragazzotti robusti e tenaci mi ringrazierebbe per tutta la durata della sua vita. Insomma, quale buon vecchietto, che non ha mai nessuno che lo aiuta con la fattoria, non apprezzerebbe questo regalo?
    Ovviamente tutti quei bei ragazzotti forti e tenaci mi scuoierebbero viva per la bella trovata, ma ogni cosa da me ha un lato negativo e uno positivo: se da una parte lavorare con mio nonno fra le capre e i cavalli puzzolenti è un brutto lavoro, mio nonno ti ripagherà con dei fumanti e deliziosi piatti di pasta alla carbonara. E fidatevi. Mio nonno sa cucinare. Consigliato da una grande intenditrice 😀
    Quindi, dopo avermi scuoiata viva per la bella trovata della fattoria, mi ringrazieranno come non hanno mai fatto con nessuno.
    Poi gli farei visitare la mia nonnina materna, che fa dei dolci da paura, gliene farei assaggiare a centinaia, solo per farli felici. Perché i dolcini della nonnina fanno felici tutti i bambini (..)
    Poi, tutti belli paciocconi e col diabete, li porterei nel boschetto vicino casa, e gli farei fare un bel picnic nel prato, con le fragoline di bosco e tutto il resto. E mentre mangiano gli farei un sacco di foto senza farmi vedere perché sono troppo bellini.
    Poooi, li porterei dai miei nonni adottivi (?)a Cassino, perché un po’ di shopping tamarro ci vuole per far contento Tao. E poi perché gli vorrei far conoscere i miei cuginetti, che sono stati campioni nazionali di ballo latino americano, e farei il mio caro bias jongin contento, e balleremmo tutti insieme, mentre i miei nonninipreparerebberocalorica come al solito (beh, che c’è di meglio di una bella lasagna per ripagare il lavoro nella fattoria?)
    Gli farei conoscere i miei zii, che si metterebbero a fare battutacce squallidissime insieme a chanyeol e a sehun, mentre farei conoscere tao al mio ragazzo, in quanto suo bias.
    Un altro giorno gli farei fare il giro del paese nel periodo di Natale. Non credo abbiano mai visto niente di simile, vivendo in una città grande e avanzata: il mio paese praticamente è un borgo medioevale, con un paio di castelli in cima, con tutti i vicoletti stretti e illuminati e con le vecchiette che vendono dolci di natale, vestite da befane (sono seria.)
    Dopo aver fatto un giro nel centro storico, al castello e dopo un paio di selca con le befane, li porterei alle giostre di natale, e poi al mercatino, pieno di oggettini a random senza senso.
    Gli farei passare uno dei più bei capodanni della loro vita, in riva al fiume con i fuochi d’artificio e le stelline filanti.
    Poi, per finire, gli regalerei una delle calze della nonna, di quelle ricamate da lei, con tutto l’universo delle caramelle dentro, ma anche un po’ di carbone, perché so che ritarderanno col comeback, e quindi sono bimbi cattivi.
    Poi, quando infine partiranno per la corea, piangeró un sacco, e loro piangeranno, e io li abbracceró, e loro mi ringrazieranno, ea quel punto io mi sveglierò e piangerò le lacrime più amare della mia vita, perché dovrò andare a scuola e gli exo li potró vedere solo sul cellulare.
    #thelongstoryofthesaddestgirlintheworld

  • alessia, 10 Dicembre 2014 @ 5:13 AM

    salve~
    Inizierei con il dire che se avessi la possibilita’ di far visitare a un idol coreano l’Italia cercherei in tutti i modi di esaltarla in modo da lasciare un’impronta positiva del nostro paese. Per quanto riguarda il giro di tour tutto si programma in basa al tempo, sperando che sia almeno di 7/8 giorni (cosi me lo godo tutto per me). **
    Gli farei fare un vero e proprio giro del paese, e non mi limiterei alla grande citta’, per vedere un lato della vera bellezza dell’Italia abbiamo i nostri paesini, in cui ci sono Ville e case costruite all’epoca dei nostri nonni o bisnonni che sono di una bellezza unica; lo farei passare per i vicoletti del paesino durante l’ora di pranzo in cui puo odorera i profumi della cucina delle nostre nonne, se si ha anche la possibilita perche non fargliela direttamente provare hahah. Dopo il giro nei paesini, ovviamente in conseguenza alla regione in ci troviamo, come grande citta farei visitare: Firenze, Roma, Milano, Torino e Venezia. Io sono amante della grande cultura italiana che purtroppo non e’ valorizzata come spererei; ogni citta che ho elencato possiede molte cose stupende da vedere e conoscere; Milano e’ la meta ideale per lo shopping, vantiamoci delle nostre grandi marche di moda haha e se riesco mi faccio fare anche un pensierino >.< Venezia lo porterei in giro per la citta, lo farei trotterellare fra i vari ponti e se si riesce dopo il giro in citta lo porterei dritto a Murano a vedere un grande lavoro artigianale come quello della lavorazione del vetro (io li adoro!!). Firenze e Roma ovviamente sono due grandi citta ricche della nostra cultura artistica, per quanto riguarda Roma lo porterei per i musei vaticani, il colosseo, i fori romani, gli farei provare il cibo alla romanesca haha, per Firenze, personalmente amo quella citta, e quindi cercherei di visitarla tutta haha e dopo la fatica fatta si va tutti a mangiare una bella fiorentina al sangue e del buon vino rosso! e chi ci ammazza!! haha ovviamente spero che sia un divertimento per me e per lui, cosi scoppia pure l'amore!! hahah
    E se il viaggio del mio adorato idol fosse solo di un giorno beh farei scegliere a lui una meta che magari ad ha cuore visitare o gia aveva programmato di visitarla lo acconteterei e farei del mio meglio!
    Spero che come risposta sia soddisfacente, avrei voluto scrivere molto di piu e scusate per eventuali errori D:
    ciao ciao~

  • Grins Schweini, 10 Dicembre 2014 @ 3:46 AM

    Se il mio idol preferito venisse in italia lo porterei a megellina perché il mare è la prima cosa che deve vedere di napoli xD. Dopo una mattinata tra i vari musei e monumenti (perché ce ne sono tanti xD) gli farei assaggiare le favolose patatine fritte di piazza Dante e l’immancabile pizza con la mozzarella sciolta, senza dimenticare una bella sfogliatella. Terminerei la giornata con una bella partita di calcio a piazza plebiscito sperando che un po’ di italia gli rimanga nel cuore. 🙂

  • minako96, 10 Dicembre 2014 @ 2:14 AM

    Se il mio idol/attrice/attore venisse in Italia cosa farei?
    dunque per prima cosa vorrei presentarmi per come sono realmente (una poco sana di mente) meglio traumatizzarli subito che dopo :). poi li inviterei a bere un caffè in un bar da qualche parte nella mia città (Udine) e li chiederei se mi possono insegnare qualche parola di coreano o cinese e magari qualcosa sul loro paese e cultura.
    un altra cosa che vorrei fare è insegnare loro a cucinare la pasta italiana e la pizza… partendo dall’impasto … ovvero da zero.
    io non sono un genio in cucina, ma penso che ci si possa divertire… anche se penso che l’impasto sarà più su di noi che nella teglia.
    se per botta di fortuna dovessero capitare durante la festa del prosciutto a San Daniele. nessuno può resistere a quel prosciutto ahahhahahah.

  • Sofia marazzotta, 9 Dicembre 2014 @ 3:59 AM

    Se incotrasi il mio gruppo preferito (EXO) li porterei a mangoare una pizza (in un ristorante italiano in germania) poi li porterei a fare shopping gli farei vedere la citta e mi farei und selfie (selca) con loro e poi gli darei un bacio e gli chiederei di farmi un autografo. E poi gli chiederei di venirmi a trovare di nuovo oppire gli chiederei di fare un concerto in germania !!!! Perche nn ce stato mai un concerto degli exo in germania !!!

  • Marco “Daijobu” Panini, 9 Dicembre 2014 @ 3:20 AM

    Beh, per prima cosa vi consiglio di diventare dei youtuber.
    Però youtuber in stile Matcha Latte,Mangaka96,Marco Togni e Andrea Secco dal Giappone, ovvero dei youtuber che insegnino il coreano (partendo dal basso), video riguardanti la normale vita di un coreano medio, poi video in stile Marco Togni (mostrando le maggiori città coreane tipo Seoul e Pusan) e infine video riguardanti notizie dalla Corea del Sud.
    E’ un progetto molto complesso e sicuramente farete un discreto successo perché è unico nel suo genere.
    Questo progetto vi aiuterà a prendere notorietà e poi a finanziarvi alcune spese grazie alla partnership (anche se all’inizio guadagnerete una miseria). Poi chissà, se farete un ottimo successo forse ci sarà il “Corea Tour”.
    P.S Nel caso vincessi, non voglio niente perché spero che questo progetto si realizzi e vi auguro tanta fortuna.

    • Marco “Daijobu” Panini, 9 Dicembre 2014 @ 3:22 AM

      Ah si, mi sono dimenticato di aggiungere: “E’ un progetto molto complesso e sicuramente farete un discreto successo perché è unico nel suo genere e per via del seguito (k-pop,dorama ed ecc.).

  • Irisss o___o, 9 Dicembre 2014 @ 1:45 AM

    ciao, è da molto che vi seguo e lo scorso giveaway me lo ero perso per un soffio(causa studio!!XD)… in questo periodo mi piace ascoltare G-Dragon e se dovessi incontrarlo e fargli da quindi, suppongo che dopo essere svenuta ne sarei lieta. Io sono di Milano e per un fashionista come lui credo che sia l’ideale…lo porterei in tutti i negozi più eccentrici e bizzarri. Sopratutto lo porterei in piazza Duomo e gli farei vedere la Madonnina, non si stupirà di pagare un’ascensore per vederla xd.
    Poi dopo una giornata di shopping sfrenato, lo porterei a mangiare il vero cibo italiano e perchè no magari a casa mia, dopotutto chi cucina meglio italiano se non italiano e sopratutto tra tutti gli italiani mi reputo un’ottima cuoca ( la percentuale di avvelenati è minima!! XD) poi lo porterei a mangiare un bel gelato e dato che deve mantenere la linea qualcosa di salutare che solo Grom può avere…e passeggiando con il nostro delizioso gelato lo porterei a Teatro alla Scala, quale migliore occasione, un luogo così sontuoso che sicuramente non gli dispiacere per uno dei suoi videoXD.
    in realtà io abito a Milano ma sono di Monza, una città famosa per l’autodromo e scommetto che appena sentirà il rombo di una Ferrari non si tirerà indietro dal provarla subito…
    Si sarà fatta sera e dopo un bellissimo pomeriggio ad alta velocità lo riporterei a Milano per concludere in bellezza con una vista panoramica da la Terrazza Martini. Milano con tutte le sue luci lo abbaglierà e vorrà rimanere per sempre qui (ovviamente con me che gli ho fatto da guida esemplare!!) ma io (che preferisco i finali drammatici) gli direi che no può abbandonare tutto per me e che lui deve continuare la sua vita da Idol, dopotutto siamo due mondi così diversi… non potrei sopportare che lui abbia abbandonato la sua fiorente carriera per me che gli ho solo mostrato un angolo di paradiso…così come per caso ci siamo imbattuti l’uno con l’altra così lui svanisce un un bellissimo elicottero che è venuto a prenderlo sulla terrazza e al suono di Coup D’Etat l’elicottero si allontana…
    ooooook e dopo aver dimostrato che la malattia mentale non ha limiti e che se mi si lascia la possibilità di fantasticare lo prendo in parola, vi rigrazio per aver letto fino a qui i deliri di una povera ragazza malata e spero di avervi divertito!
    Un bacione a tutte, Anna, Laura e Bora!!!
    Iris

  • keepcalmandloveINFINITE, 9 Dicembre 2014 @ 1:43 AM

    Credo che se incontrassi gli IINFINITE sverrei subito… e una volta ripresi i sensi, li porto a casa, sposo Sunggyu e Woohyun, e adotto Sungyeol e Dongwoo ú.ù

  • Rebs Blog, 8 Dicembre 2014 @ 11:53 PM

    Ciao bellissime♥ allora innanzitutto mi devo armare di tanta e sana fantasia perchè non credo che un cristo come Kim Jonghyun arrivi mai in un paese pugliese quindi via con l’immaginazione! Se il mio idol venisse quì lo porterei in giro per tutta la litoranea (otranto,santa maria di leuca,gallipoli) dei bei posti marini che hanno sempre meravigliato tutti e perchè no mangiando un buon gelato artigianale di martinucci P: poi lo porterei a visitare Lecce *w* girando tra i vari vialetti e palazzi risalenti all’età barocca ma non mi metterei a fare da cicerone per tre ore perchè penso che mi lascerebbe lì ahah..’conoscendolo’ lo porterei anche in un negozio dove vendono abitini per cani e che quella povera disgraziata di Roo si ritroverà ad indossare ahah..cooomunque gli farei mangiare la deliziosa brioche leccese e anche il pasticciotto obama (è tutto cioccolato ragazze compresa la pasta frolla che lo ricopre, è troppo asdsfgdhjk) ma è anche ora di divertirsi giusto? Allora si parte per molfetta per raggiungere Miragica un parco divertimento fantastico e infine non perchè meno importante gli farei passare dei giorni tranquilli senza venire inseguito come ogni giorno da fans e fotografi (relax take it eeeeaaaasy ♫)
    non so più che scrivere ahah un futuro da scrittrice mi attende, come no! sciao beleeee♥♥♥

  • enecandy, 8 Dicembre 2014 @ 10:56 PM

    Se il mio idol o gruppo preferito venisse in Italia, siccome io sono di Firenze lo porterei nei vari musei.
    per quanto riguarda il cibo vorrei fargli assaggiare una vera pizza italiana xD
    Ma non solo magari le specialità del posto come la polenta, i vari dolci che sicuramente non hanno mai assaggiato!
    Sarebbe carino anche fare un picnic tanto per non stare sempre nei soliti ristornati , magari in un bel parco pieno di fiori, vicino a un laghetto possibilmente 🙂
    Vorrei fargli assaggiare anche il nostro gelato! Poi lo porterei in un parco giochi, magari a Mirabilandia sarebbe carino :3
    Poi la sera potrei portarlo a vedere i fuochi d’artificio e poi lo porterei a ballare in una discoteca, non essendoci i karaoke qui in italia ^-^”

  • Marta, 8 Dicembre 2014 @ 10:01 PM

    Se incontrassi il mio idolo, per primo lo porterei a visitare la meravigliosa Napoli, lo poterei a vedere i castelli, e i vari monumenti. Poi, ad un certo punto, ci verrà un pò di appetito, ed è li, che operò a fargli assaggiare la pizza tipica del posto. Dopo, verrà la viglia di divertirci, quindi, andremo sulle giostre più pericolose e divertenti. Verso tarda serata, lo porterò a vedere il lungomare, e magari se ne a voglia di comprare vari gadget tipici del posto, una passeggiata tra i vari vicoli dove hanno tutti quei luminosi e divertenti negozi, gli farei assaggiare anche la sfogliatella del posto…(avete detto di usare l’immaginazio)… La mattina seguente lo porterei a fare un bagno a Santa Lucia, a fare i tuffi dagli scogli, poi gli farei visitare Sorrento e Capri, così, tanto per divertirci un pò. Verso sera, a cena, gli farò assaggiare la pasta con le vongole o le cozze, e in fine lo accompagnerei all’albergo Vesuvio a rilassarsi!..(Ovviamente se vuole invitarmi a salire, perché no! :’D )
    Questo è tutto, non mi viene nient’altro in mente, poi se veramente accadesse mi verrebbero altre cose in mente…. Ciao, Marta.

  • My name is Banana. (@Meddyu), 8 Dicembre 2014 @ 9:41 PM

    Cosa farei? Allora, dato che gli idol sono comunque persone con gusti diversi, a seconda di chi verrebbe in Italia ci sarebbero programmi diversi. E immaginando fervidamente che una botta di culo spaziale mi porti Gdragon qui in Italia e che io sia la sua guida turistica, lo scopo centrale sarebbe uno e uno soltanto: shopping! Perché conoscendo Gdragon sarà interessato alle opere d’arte fino a un certo punto, ma non farà altro che desiderare la moda italiana. Quindi il programma sarebbe misto. Dato che sono siciliana un mio contributo personale lo devo dare, quindi in Sicilia lo porterò ad ammirare l’arte (perché comunque sono dell’artistico quindi ci vuole), a mangiare i cannoli, le cassate siciliane e tutte le prelibatezze siciliane. Poi pasta e pizza vera, che non sia nello stesso piatto (la pizza alla pasta con polpette domina i miei incubi) e che sappia di vera Italia. Poi andremo al mare, perché il mare siciliano è bello e basta u.u. Potrei portarlo anche a Favignana o Levanzo, dove potrebbe trovare il relax che un idol come lui non ha mai avuto. Poi semplicemente organizzerei un viaggio che includa tutta l’Italia, così che possa ricordare un pezzetto di ogni città Italiana. Il colosseo, la torre di Pisa, i musei, le cattedrali. E poi la sua tappa preferita: negozi, in ogni città gireremo tanti negozi diversi, così che lui possa denifitivamente chiamare l’Italia un paradiso. E poi le sfilate di moda, che non possono mancare. Gli farei vedere più sfilate possibili, perché già me lo immagino con gli occhi che brillano mentre guarda incantato i modelli. Poi lo porterei in un posto come Gardaland e infine ad un evento in cosplay tipo il Lucca comics. Chissà che faccia potrebbe fare davanti a tutte quelle persone in cosplay :”. Non sono sicura se organizzerei incontri con le fan, perché non sono sicura di cosa direbbe lui. Dipende se è un viaggio fatto per dimenticarsi di essere un idol per un po’ ed essere per qualche giorno una persona normale o se l’idea di incontrare le fan italiane lo renda felice. Del resto per quanto un idol possa amare i propri fan tutti hanno bisogno di staccare la spina :P. E infine, dopo aver scattato tante foto per ogni città d’Italia, farei un enorme collage. Così il mio amato idol tornerà a casa con un bellissimo collage, un casino di vestiti di marca italiana, e tanti bei ricordi…e forse anche qualche chilo in più x’D.

  • Fanytastic. (@itsbrokenarrow), 8 Dicembre 2014 @ 8:55 PM

    Se venisse in Italia? Probabilmente sclererei per circa 2 ore, e mi organizzerei un programma. Per prima cosa, dato che sono siciliana, farei provare loro ogni piccola specialità del posto (dalle arancine, alla pasta al forno e ad altre pietanze tipiche), in un secondo momento li porterei al mare, probabilmente in ogni singolo lido del posto (Scala dei Turchi ovviamente inclusa), spargerei volantini per tutta la città e farei loro pubblicità, chiamerei fan del kpop siciliani a riunirsi per un evento insieme a loro, qualche fansigning event o cose simili (ovviamente con il consenso della loro agenzia), li porterei a visitare i posti più belli della Sicilia, le opere d’arte, parlerei loro in inglese e cercherei di dire anche quel poco che so in coreano, parlerei con il sindaco della mia città, mi organizzerei in tutto i modi per fare loro un mini concerto (un paio di canzoni e via) per promuoverli (sempre con il loro consenso). Offrirei loro un gelato, prima di prendere l’aereo per andare a poco a poco a salire verso il centro Italia, magari prima Napoli (non può mancare una visita nella Campania alla bellissima Capri), poi Roma (e lì farei fare loro un evento speciale, chiamerei altri fan italiani del kpop e potremmo organizzare un evento carino con qualche associazione o con l’università di lingue orientali (che tra l’altro si trova anche a Napoli), li farei riposare per due giorni, mangiare altre specialità romane, e salire ancora ancora fino a quando non arriviamo prima a Milano (città in cui avrei organizzato un contest di danza su cover kpop a cui avrei fatto fare loro i giudici, sempre con il loro consenso), tanti selca, e via fino in Francia, offrirei loro un soggiorno a Disneyland e li saluterei con tante lettere, foto, e ricordi della bella esperienza passata.
    Poverini, sarebbe stanchissimi ç_ç

  • Debora, 8 Dicembre 2014 @ 8:43 PM

    Se il tuo idol/attore/attrice coreano preferito venisse in Italia, cosa gli/le faresti fare??
    Prima cosa l’aeroporto, lo farei arrivare a: Orio al Serio lontano da Linate e Malpensa ma con la possibilità di fare una mini-gita a Bergamo alta e Bergamo bassa (sinceramente non ci sono mai andata e sarebbe bello andare con il proprio idolo **).
    Non possono mancare le tappe del cibo italiano *3* e direi che Milano per il buon panettone non può non essere la fermata ideale e poi un bel giro in bicicletta sul lago di Garda (olio sul pane e pesce di lago da assaggiare!).
    A seguire: in Veneto tra il buon vino e dei cibi tipici del luogo (un buon risotto al radicchio) e non può mancare un bel giro in gondola, romantica di sera (visto che si è in Veneto).
    – Altre tappe: andare ai mercatini di Natale di Bolzano, soggiornando in un bel hotel con vista sulla città.

    Vorrei fargli vedere i luoghi più belli del nord italia, in questo clima di feste e meglio più naturali rispetto che urbanisti, lasciandogli bei ricordi.

  • ezz, 8 Dicembre 2014 @ 7:31 PM

    😀 😀 😀 Magari!!!
    Cosa farei io? Innanzitutto premetto che sono di Torino 🙂
    L’Italia è conosciuta soprattutto per la sua bellezza, i suoi musei, l’arte, il cibo…ma è anche una terra molto VIOLENTA, con una storia intricata e complessa…Vorrei mostrare loro tutto questo 😀
    Partendo dai resti delle Porte romane per entrare nella città, passando per i bellissimi parchi (con siepi a cuore o con forme divertenti), le strade dritte di bianchi palazzi rinascimentali con grandi portici, sempre gremiti di gente 🙂 ponendo l’accento sulle palle di cannone incastonate sulla sommità di quei palazzi che facevano parte dell’antica cittadella che i Francesi non sono riusciti ad espugnare (Tiè ai Francesi 😀 😛 ).
    E perché no? Anche le bellissime e strette gallerie che attraversano il sottosuolo di Torino (d’aiuto in molte battaglie, ma ormai conosciute nella Seconda guerra mondiale hanno portato soltanto alla morte i giovani ragazzi che vi si erano nascosti per non entrare nell’esercito) e i portici che servivano al Re per raggiungere la Dora e fare una passeggiata anche nei giorni di pioggia senza bagnarsi. Ovviamente dovrei parlare anche della “simpatia” dei Torinesi, che visto l’orientamento sessuale (o almeno i pettegolezzi a riguardo) hanno ribattezza la piazza con la maestosa statua del Re Carlo Alberto, piazza “CarlinA” 😛
    E ancora: le luci d’artista, i resti romani, l’armeria reale, il Museo dell’automobile, la sede della Gestapo dove pensatori, poeti, ecc sono stato torturati, oggi ricordata soltanto perché lì è stato girato “Profondo Rosso” di Dario Argento.
    Il Museo Egizio, unico (secondo soltanto al Cairo) dove si possono vedere le mummie sbendate; il museo del cinema, museo interattivo con i “famosi sedili a cesso” xD
    E per il cibo? 😀 Intanto farei provare loro il “Bicerin”, nell’omonimo locale, (talmente tipico e bello che alcuni americani volevano comprarlo, smontarlo e rimontarlo pezzo-pezzo a New York…potete immaginare l’espressione dei Torinesi, alquanto divertita alla risposta stizzita delle 2 proprietarie 😛 😀 ) un mix di crema al gianduia, panna e Rum 🙂 visto che noi siamo la regione del cioccolato, nocciole, nutella 😀 (dovrei anche ricordargli che i loro amati svizzeri sono venuti a Torino per imparare a fare il cioccolato? 😛 😀 ). Farei vedere loro anche il primo parlamento italiano (e il Castello battezzato “Palazzo Madama” dove venivano rinchiuse le regine divenute reggenti perché non avessero potere), la stanza dalla quale Cavour sia decideva buona parte della nostra politica, sia, nel momento in cui sentiva un languorino, faceva tintinnare la campanella sulla sua scrivania, segnale grazie al quale venivano accesi i fuochi nelle cucine del più famoso ristorante di Torino, “Il Cambio”. Preparato il pasto gli veniva fatto cenno con un fazzoletto bianco, Cavour “spiando” dalla finestra sapeva così quando era pronto 😀
    E per finire…Visto che è presente in alcune guide O.o (appunto per chiunque leggesse: voi NON fatelo, a meno che non abbiate qualcuno che vi porti a casa 🙂 ) farei provare loro il “Tamango” nell’omonimo locale ai Murazzi (locali che si affacciano sulla Dora dalla piazza che è la più grande d’Europa 🙂 )…Il Tamango è molto speciale: alcuni che non avevano mai fatto sport si sono messi a far salti di più di un metro, altri si sono inginocchiati a chiunque chiedendo di sposarli (e ne caso dei miei idoli sarebbe perfetto 😛 😀 😛 )…insomma ^_^ non si sa bene cosa ci sia dentro ma il divertimento è assicurato 😀 ^_^ 😀
    Fineeeeee 😀
    Ultimo appunto: ovviamente penserete che per tutto questo ci vogliano giorni ^_^ in realtà non è così 😀 perché ho elencato ciò che si può trovare passeggiando per le vie del centro 🙂 :-* :-*
    Dite che si interesseranno e verranno in Italia??? 😀

    • ezz, 13 Dicembre 2014 @ 7:47 PM

      PS: ho immaginato di incontrarli e di poter fare da guida per una giornata 🙂

  • yuki-92, 8 Dicembre 2014 @ 4:31 PM

    Se incontrassi il mio idol preferito o sto sognando oppure l’ho rapito e portato qui in italia ahahah
    Comunque se il mio idol fosse in vacanza in Italia lo porterei a Roma. Gli farei vedere il Colosseo e i Fori Imperiali,bellissimi.
    Poi lo porterei a San Pietro e ovviamente a Via Del Corso,un pò di shopping non fa male.
    Beh se la mattina gli ho fatto vedere i monumenti più belli di Roma cosi come le sue vie più famose,la sera un pò di vita notturna non fa male. Quindi lo porterei in un pub a bere qualcosa o forse in una discoteca e divertirci 🙂
    La serata si concluderebbe con il parlare del più e del meno e la nascita di una bella amicizia 🙂

    Vi ringrazio mille per questa bella opportunità e per la possibilità di lasciar scorrere la nostra immaginazione. 🙂 화 이 팅 ^-^

  • Laura, 8 Dicembre 2014 @ 11:46 AM

    Ciao ragazze,
    allora se uno dei miei idol/attori/attrici coreani preferiti venissero in Italia, (nel mio caso in Sicilia) di sicuro lo/la porterei a provare tutto lo street food possibile, una bella immersione nei locali tipici della città dove nessuno lo/la riconoscerebbe. Trattato/a da semplice turista, per trascorrere una giornata completamente liberi dallo stress dei paparazzi e dalle fan urlanti godendosi le delizie della città.
    Seconda tappa immancabile (sempre nel mio caso in Sicilia :P) il mare. Comprare due ciambelloni gonfiabili giganti e divertirsi con le onde. Per concludere, che ve lo dico a fare, nel caso di una LEI shopping selvaggio e un bel locale dove passare la serata, nel caso di un LUI passeggiata per il centro storico e una bella birreria, di quelle dove si gettano i gusci vuoti delle noccioline per terra. In entrambi i casi uscirebbe fuori quanto meno una bella amicizia 😉

    Ecco qui. Ho terminato uno dei miei tanti piccoli viaggetti mentali. Grazie dell’opportunità continuate così. Fighting!

  • Ruia Tawfeeq, 8 Dicembre 2014 @ 9:47 AM

    penso che rimarrei a fissarli per circa 5 minuti prima di rendermi conto di chi ho davanti, se non svengo..comunque penso che gli farei vedere il Colosseo a Roma, il Duomo di Milano li farei vedere dei monumenti almeno quelli più famosi/visitati 🙂 Poi senza dubbio li porterei in un parco divertimenti e un acquario; se vogliono scegliere loro che facciano pure se invece lasciano scegliere me io proporrei di andare a Gardaland e per l’acquario sceglierei quello di Genova. Per il cibo sicuramente farei provare loro le lasagne emiliane *-* poi la pizza, pasta bolognese e tante altre delizie però queste sono quelle che proporrei principalmente per dolci… il tiramisù, cornetti ripieni di nutella, il cannolo siciliano insomma c’é di tutto e di più <3. Per quanto riguarda la cultura mh.. parlerei della pittura, dei disegni, dell'opera, del teatro, della religione e tutto qui 🙂
    Ragazze grazie mille per questo concorso la vostra disponibilità è unica grazie mille <3

  • tirannosara-rex, 8 Dicembre 2014 @ 9:09 AM

    Se incontrassi il mio idol preferito dubito che abbia la possibilità e la voglia di essere accompagnato da me per una visita della mia città ahah
    In ogni caso, siccome sono di Napoli, lo porterei sicuramente in giro per i vari musei e siti archeologici sparsi per la città o nei dintorni oppure per esempio a fare un escursione sul Vesuvio o sulle isole. Cercherei soprattutto di fargli conoscere quello che è il lato più popolare per far capire il vero spirito di Napoli e magari fargli acquistare fiducia per la città (avendo degli amici “di penna” coreani mi sono accorta che quando sentono parlare di Napoli e in genere dell’Italia, sono spesso spaventati dalla mafia, dai ladri ecc). Ovviamente una delle cose per cui l’Italia famosa nel mondo è la gastronomia quindi se per pranzo opterei per lo street food, la sera una cena (magari a lume di candela se l’idol è maschio) in un ristorante tipico (a Sorrento con vista sul mare) sarebbe la scelta migliore.
    Nel caso l’idol in questione fosse appassionato di opera o balletto, lo porterei al San Carlo.
    In conclusione cercherei solo di renderlo felice e di lasciargli un bel ricordo della nostra Italia 🙂

Comments are closed.